Logistic Net e Sebastiano Zanolli: ecco cosa significa essere un team.

Logistic Net e Sebastiano Zanolli: ecco cosa significa essere un team.

Sebastiano Zanolli è stato ospite d’onore all’evento per i 10 anni di Logistic Net, un’azienda giovane che ha fatto della squadra il suo valore fondante. Una cosa fondamentale per chi lavora in velocità, a stretto contatto con i colleghi e con lo sguardo di tutti rivolto al cliente, tanto da riuscire ad offrire servizi di alta qualità e tagliati su misura per caratteristiche completamente diverse: stoccare e movimentare bottiglie di vino, fino a riuscire a preparare i pacchi dei singoli clienti finali, è molto diverso dal gestire un magazzino per un’azienda di moda.

Fin dalla sua nascita, quando erano operativi solo i tre fondatori Matteo Vaccari, Andrea Munari e Michele Muraro, la forza della squadra, fatta di amici, prima di tutto, è stata la carta vincente che ha fatto conquistare a Logistic Net i clienti, ma anche i soci futuri, che hanno visto proprio in questo valore la cifra vincente, tanto da voler scommettere sulla piccola azienda.

Le promesse sono state mantenute, tanto che oggi Logistic Net conta 40 dipendenti, 45.000 mq di superficie su 6 magazzini, un fatturato che dal 2013 è quasi raddoppiato ogni anno, passando da 1 milione di euro ai 5 con cui si stima di chiudere il 2016. La gestione dei magazzini, sempre più complessi e ampi, è gestita interamente in modalità “Lean”, portata in azienda grazie alla consulenza di Gianesin Canepari & Partners. Dal 2011 Logistic Net è entrata in Bas Group (partecipata al 50% e dal 2013 al 100%), creando una sinergia molto produttiva tra i servizi complementari di logistica di magazzino e trasporti.

Dunque, il senso della squadra sta al centro di questa avventura imprenditoriale. Per questo gli organizzatori dell’evento hanno invitato Sebastiano Zanolli, team coach che non ha bisogno di presentazioni, capace di coinvolgere una platea e sintetizzare i principi del lavoro in squadra, senza concedere nulla a toni edulcorati. Sin dall’esordio, Zanolli sottolinea come lavorare in team sia una questione di visione, di filosofia di vita. E’ un atto di fede (nel senso di fiducia “a scatola chiusa”) perché richiede investimenti in anticipo sui risultati, assumendo un rischio; è un gesto di coraggio, e costa molta fatica, ogni giorno, perché significa rinunciare consapevolmente al proprio ego per il bene della collettività.

Qui sotto, per punti, le caratteristiche e le regole di un team.

4 caratteristiche del team

-       Condivisione di valori. Sono questi i punti di riferimento che ogni persona deve avere ben chiari ogni volta che si troverà a prendere una decisione (cosa che un semplice esecutivo non ha bisogno di fare).

-       Fiducia. La si costruisce a partire da ogni promessa che viene mantenuta. Come un deposito in conto corrente.

-       Generosità. È la vera moneta di scambio all’interno del team. È un’attitudine che hanno le persone che faranno grande il team, dove si agisce in virtù della fede che si ha nel team stesso, nelle finalità della sua azione. È la capacità di offrire aiuto alle persone, e di condividere.

-       Reciprocità. È la chiave per la sopravvivenza dell’uomo, scritta nel suo DNA: il senso di gratitudine porta a restituire (anche in misura superiore) ciò che si è ricevuto.

 

10 regole del lavoro in team

  1. Uno è un numero troppo piccolo per crescere. Serve un gruppo per avere risultati superiori.
  2. Investire nella squadra dà rendimenti crescenti nel tempo, con andamento non lineare.
  3. Comunicare e ascoltare non sono sinonimi di parlare e udire.
  4. L’obiettivo è più importante del ruolo (e ad esso si sacrifica anche una parte di ego).
  5. La visione resta una responsabilità dei vertici.
  6. Vale la legge della catena: la sua forza è pari alla forza dell’anello più debole.
  7. Come per la mela marcia, un atteggiamento demolitorio distrugge il team.
  8. Il team funziona se ci sono persone che fanno accadere le cose.
  9. In un gruppo (azienda) che va bene (dal punto di vista del profitto economico) si vive bene.
  10. La differenza, a parità del valore delle persone nel team, la fa la leadership.

Written by

More posts by:

Comments are now closed.